Il Nome della Rosa: la serie evento con John Turturro dal 4 marzo 2019 su Rai1

-
1086
Il Nome della Rosa: la serie evento con John Turturro dal 4 marzo 2019 su Rai1

L'avevamo anticipato qualche mese fa nel palinsesto Rai per l'atunno/inverno 2018/2019: tra i titoli di spicco c'è sicuramente la serie televisiva Il Nome della Rosa. La data di messa in onda è ora ufficiale (l'avrete anche notata nei promo di rete mandati in onda questi giorni sulle reti Rai): dal 4 marzo prossimo, in prima serata su Rai Uno, potremo vedere l'adattamento televisivo del capolavoro della letteratura italiana del compianto Umberto Eco, scomparso nel febbraio 2016, già portata sullo schermo con il bellissimo film diretto da Jean-Jacques Annaud nel 1986, con protagonisti Sean Connery, Christian Slater, F. Murray Abraham, Michael Lonsdale, Valentina Vargas e Ron Perlman, vincitore di 2 Premi Bafta, 1 Premio César e 5 David di Donatello.
La serie TV, ideata da Giacomo Battiato, Andrea Porporati e Nigel Williams, sarà suddivisa in 8 episodi raggruppati in 4 puntate, in onda ogni lunedì fino al 25 marzo:

Il Nome della Rosa, co-produzione italo-tedesca tra Tele Muenchen, 11 Marzo Film e Palomar in collaborazione naturalmente con Rai Fiction, che si occuperà della distribuzione Italiana, vanta un cast stellare. Il protagonista Guglielmo da Baskerville sarà interpretato da John Turturro, mentre il ruolo dell'Inquisitore Bernard Gui sarà ricoperto da Rupert Everett. Vedremo poi Sebastian Koch (Le Vite degli Altri), James Cosmo (Il Trono di Spade), Michael Emerson (Lost) e Richard Sammel (Bastardi Senza Gloria). Adso da Melk, il discepolo del protagonista sarà interpretato da Damien Hardung, un attore tedesco emergente. Tra i protagonisti vedremo poi diversi volti noti del cinema italiano come Fabrizio Bentivoglio, Greta Scarano, Stefano Fresi e Piotr Adamczyk.



La storia de il Nome della Rosa, per chi non la conoscesse, è ambientat nel 1327. Guglielmo da Baskerville, un brillante frate francescano, viaggia fino in Italia per fare da mediatore tra la delegazione di Papa Giovanni XXII e una di dotti francescani, accusati di voler destituire il potere temporale della Chiesa in una isolata abbazia nel Nord. Inaspettatamente, l'abbazia si rivela essere un luogo spaventoso, dove avvengono terribili delitti. I giorni e le notti che Guglielmo e Adso, il suo giovane allievo, passeranno in questo luogo saranno costellati di morti, fantasmi, sangue e intricati misteri. L'abbazia nasconde infatti un terribile segreto legato alla sua famosissima biblioteca. Quando però Guglielmo si troverà in procinto di svelare l'intricato enigma, ecco giungere lo spietato inquisitore domenicano Bernardo Gui, che cerca di sfruttare i delitti per distruggere l’ordine francescano.